Le sedi del Senato

Il Senato della Repubblica si trova nel centro di Roma, a pochi passi dal Pantheon e da piazza Navona.
Nella mappa sono riportati i palazzi, con una breve scheda descrittiva della loro storia e dell'attività che si svolge in ciascuno di essi.

= Palazzi storici sedi del Senato     = Strutture e servizi del Senato


Visualizza la mappa in dimensioni maggiori

PALAZZO MADAMA

A palazzo Madama hanno sede l'Aula, alcuni Gruppi parlamentari, gli uffici della Presidenza e del Segretariato generale, nonché alcuni servizi ed uffici più direttamente connessi con l'attività parlamentare.

STORIA

La "Madama" che dà il nome al palazzo è Margherita d'Austria, detta appunto La Madama. Figlia naturale di Carlo V e duchessa di Parma e Piacenza, alla morte del marito, Alessandro de' Medici, ereditò il palazzo eleggendolo a sua residenza.

L'edificio divenne "palazzo pubblico dello Stato Pontificio" nel 1755 quando fu acquistato da Papa Benedetto.

Successivamente vi furono installati anche gli uffici del tribunale e la sede della polizia. Da questa ultima destinazione trae anche origine il termine dialettale "La madama", talvolta usato a Roma ancora oggi per definire le forze dell'ordine.

Palazzo Madama ospitò l'ufficio centrale della Repubblica franco-romana nel 1798-99.

Pio IX lo destinò a sede del ministero delle finanze e del debito pubblico e sembra che sulla loggia esterna del palazzo a piazza Madama venissero estratti - a partire dal 1850 - i numeri del lotto (l'estrazione fino ad allora era avvenuta a palazzo Montecitorio). Dal 1851 l'edificio ospitò anche gli uffici delle poste pontificie.

Nel febbraio del 1871 palazzo Madama venne scelto come sede del Senato del Regno. Questo evento rese necessari ampi lavori di adattamento: nello spazio del cortile delle poste pontificie, su progetto dell'ingegner Luigi Gabet, fu realizzata l'Aula dove il Senato del Regno si riunì per la prima volta il 28 novembre 1871.

> Per saperne di più

 

 

PALAZZO CARPEGNA

Palazzo CarpegnaA Palazzo Carpegna si riuniscono le Commissioni permanenti del Senato.

STORIA

L’antico Palazzo Baldinotti Carpegna fu realizzato sullo scorcio del XVII secolo su progetto di Giovanni Antonio de' Rossi [1619-95] e si trovava in posizione analoga al palazzo odierno.

Agli inizi del Novecento, il palazzo ospitava gli istituti universitari, dai quali fu liberato nel 1930.

In attuazione del Piano Regolatore del 1926, il palazzo fu demolito ed in seguito ricostruito.
La nuova facciata fu demolita e ricostruita più arretrata nel 1935, per lasciare spazio al nuovo corso Rinascimento. Negli anni Quaranta, il palazzo fu unito a Palazzo Madama a compensazione delle demolizioni effettuate per consentire l’ampliamento di via della Dogana Vecchia.
I due edifici furono collegati con un portico a due piani.

 

 

 



PALAZZO GIUSTINIANI

A Palazzo Giustiniani si trovano attualmente l’appartamento di rappresentanza del Presidente del Senato, gli studi dei senatori di diritto e a vita e l’Archivio storico.

STORIA

Palazzo GiustinianiIl nucleo originale di Palazzo Giustiniani fu realizzato alla fine del Cinquecento da monsignor Francesco Vento. L’immobile fu ceduto il 4 luglio 1590 a Giuseppe Giustiniani, esponente di una delle più ricche e potenti famiglie genovesi, che diede il nome attuale al palazzo. Negli anni seguenti la famiglia acquistò altri edifici ad esso contigui; più che della costruzione di un palazzo vero e proprio, infatti, si deve parlare di un accorpamento di edifici, il quale con il trascorrere degli anni determinò la costituzione di un'insula giustinianea fra le strade a ridosso del Pantheon.
La famiglia ospitò nel palazzo la propria collezione di opere d'arte, affittandolo anche, in tutto o in parte, a prelati e personaggi importanti in cerca di una sistemazione di prestigio. La famiglia Giustiniani si estinse alla fine dell’800 e tale evento portò alla dispersione della grande collezione di opere d’arte.
Intorno ai primi anni del ‘900 il Ministero della pubblica istruzione prese provvedimenti per arginare tale dispersione e cedere allo Stato i pezzi più preziosi. In quegli anni, una parte della proprietà passò alla Cassa di Risparmio di Roma ed una parte venne affittata al Grande Oriente d’Italia. All’inizio del 1926, Mussolini aderì alla richiesta dell’allora Presidente del Senato del Regno, Tommaso Tittoni, e concesse l’utilizzo di Palazzo Giustiniani al Senato, ma soltanto nel 1988 il Senato acquisì la quasi totale disponibilità dell’immobile. In questo palazzo Enrico De Nicola firmò la Costituzione della Repubblica.

> Per saperne di più

 

ARCHIVIO STORICO

L'Archivio storico, che ha sede a Palazzo Giustiniani ha aperto al pubblico nel 2003. Già dal 2001 ha iniziato i lavori per il censimento, il riordino e l’inventario dei fondi archivistici posseduti, per mettere a disposizione degli studiosi gli strumenti indispensabili alla consultazione. Funzioni e ordinamento dell'Archivio storico sono disciplinati da un apposito Regolamento, approvato dal Consiglio di Presidenza del Senato il 18 febbraio 2003.

 

PALAZZO DELLA MINERVA

Palazzo della minervaDalla primavera del 2003, dopo lunghi lavori di ristrutturazione, ospita la Biblioteca del Senato, intitolata a Giovanni Spadolini.  Dal febbraio 2007 le sedi della Biblioteca del Senato e della Biblioteca della Camera, nei due palazzi contigui della Minerva e del Seminario, sono comunicanti, consentendo la libera circolazione dei lettori, secondo regole comuni. Si dà così vita al Polo bibliotecario parlamentare, con l’obiettivo di migliorare la complessiva risposta alle esigenze di informazione e ricerca del Parlamento e del pubblico, oltre che l’efficienza e l’economicità di gestione.

STORIA
Sorge sulla piazza omonima, alla sinistra della splendida chiesa ed adiacente all’antico convento dei Dominicani. Tra il 1849 e il 1867 il palazzo venne adibito a caserma delle truppe francesi, garanti dell’indipendenza dello Stato Pontificio dopo l’esperienza della Repubblica romana, per essere successivamente destinato a sede del Pontificio Collegio Latino-Americano.
Dopo la proclamazione di Roma capitale, fu sede del Ministero della pubblica istruzione, che ne occupò i locali fino alla seconda metà degli anni Venti. Passato quindi alla Presidenza del Consiglio e successivamente adibito a sede del Ministero della ricerca scientifica, nel 1991 il Palazzo della Minerva venne assegnato al Senato che decise di ospitarvi la nuova sede della Biblioteca.

> Per saperne di più

 

 

BIBLIOTECA DEL SENATO

Nel 2003 la Biblioteca del Senato ha aperto le sue porte al pubblico nella sede di Palazzo della Minerva, mettendo a disposizione degli studiosi e dei ricercatori un patrimonio composto da oltre 600.000 volumi, circa 3.000 periodici e 500 giornali italiani e stranieri, la più importante raccolta di Statuti dei Comuni e delle corporazioni dal tardo Medioevo all'Età contemporanea, edizioni antiche di diritto comune e canonico, una delle più ricche collezioni di periodici dell'Ottocento e molto altro ancora.

 

 

Centro di In-Form@zione - LIBRERIA

Libreria del SenatoDal 2003 è aperta al pubblico la sede del Centro di In-Form@zione - Libreria del Senato in via della Maddalena 27, a Palazzo delle Coppelle. L'accesso è libero.
All'interno sono in distribuzione gratuita pubblicazioni divulgative e oggetti promozionali dell'immagine del Senato: è anche possibile assistere in diretta alle sedute di Assemblea attraverso gli schermi video.
Il Centro di In-Form@zione - Libreria accoglie le scolaresche per lo svolgimento delle attività di formazione.